07 aprile 2011

OTTANTA FACCE: JOEY TEMPEST



Di rocker attempati è pieno il mondo. Mick Jagger e Vasco Rossi, per dire, saltabeccano ancora sul palco anche se hanno raggiunto un'età più adatta alla bocciofila di quartiere. Ora, Joey Tempest degli Europe non è così attempato e, secondo me, non è mai stato esattamente un rocker. Ok, quel gruppo svedese era pieno di chitarre e di effetti speciali infuocati sul palco e si voleva inserire nel genere hard rock. Ma il motivetto con la tromba fatta al sintetizzatore che iniziava The Final Countdown (e che tutti noi ottantologisti abbiamo bene appiccicato in testa) era quasi più costruito a tavolino dei suoi riccioli e del suo fondotinta.
Adesso che ha 47 anni, il signor Joakim Larsson vive a Londra con la moglie e il figlio, non ha ancora smesso di fare il musicista (tre album solisti, l'ultimo nel 2002, e un successo che continua nella natia Svezia) anche se potrebbe godersi in santa pace le royalties di The Final Countdown, che fu in testa alle classifiche in 26 paesi, vendette 8 milioni di copie e risuona ancora adesso in decine di migliaia di suonerie di telefonini.
In più, somiglia in modo curioso a Riccardo Cocciante (vedi foto sotto). Ma questo, probabilmente, non lo ha fatto apposta.



8 commenti:

  1. Sono la tua fans sfegatata mi chiamo tecla ti seguo dagli anni ottanta mi piacerebbe conoscerti ti prego guarda questo messaggio joey tempest sei unico ciao da tecla da torino

    RispondiElimina
  2. Joey tempest sei bellissimo

    RispondiElimina
  3. Joey Tempest...I Know what you want to say with your songs...there are secret messages sometimes, but only a small part of people can understand it... with love... Silvia

    RispondiElimina
  4. Ma siete impazzite???

    RispondiElimina
  5. L'articolo più brutto e ignorante che abbia mai letto.

    RispondiElimina
  6. Ciao Levèn, ci dispiace che il post non ti sia piaciuto. "Ce la siamo presa" con Joey Tempest, ma è stata come prendercela con noi stessi, guardandoci allo specchio e vedendo come siamo inevitabilmente cambiati. Questo è il senso del mini-ciclo di post che abbiamo intitolato "Ottanta facce" e che ha messo nel mirino anche Simon Le Bon, Tony Hadley, Mick Hucknall e molti altri, armati di ironia da una parte e del vinile degli Europe consumato dai troppi ascolti dall'altra...

    RispondiElimina
  7. Un grande talento della musica, bella voce, ottimo compositore, persona solare e intelligente. Ci si può sempre risparmiare di scrivere quattro sciocchezze in croce.

    RispondiElimina
  8. sinceramente yo también he fatigado a reconocerlo pero es siempre un hombre intrigante y bello, y su voz es maravillosa.

    RispondiElimina