27 dicembre 2011

I BELLOCCI DEI CARTONI ANNI OTTANTA – PARTE NONA




E concludiamo (SIGHHH!!!) oggi il nostro appuntamento settimanale con i bellocci dei cartoni animati anni Ottanta con alcuni OUTSIDER di tutto rispetto: Rio, del cartone “Jem e le Holograms”, Toshio de “L'incantevole Creamy” e Ronnie della “Magica Emy”, tre personaggi molto diversi tra loro ma accomunati dal fatto di stare insieme o di andare dietro a una cantante un po' estrosa.
Per salvare la casa discografica del padre, la Starlight Music, che navigava in pessime acque, Jerrica Benton decide di ricorrere ad un super efficiente computer olografico dotato di personalità umana, Energy, che le permette di trasformarsi in Jem, una vera popstar. Insieme al gruppo delle Holograms, formato dalla sorella Kimber alle tastiere e dalle amiche Aja (chitarrista) e Shana (batterista), ottiene un successo strepitoso, alla faccia di Eric Raymond, ex socio del padre, che per renderle la vita impossibile aveva lanciato sul mercato le Misfits, un trio rock decisamente sopra le righe costituito da Phyllis “Pizzazz” (chitarra e voce), Roxanne “Roxy” (bassista) e Mary “Stormer” (tastierista).
Col tempo la doppia identità di Jerrica complica un po' le cose con Rio, il tuttofare della Starlight con il suo bel perché, alto, abbronzato, ben stazzato, occhi chiari e capelli....emh viola (d'altronde in un cartone dove l'acconciatura più sobria è quella della Misfits “Pizzazz” con la sua capigliatura giallo paglierino tendente al senape, mica l'uomo della serie poteva avere dei capelli “normali”!!!).
Fidanzati sin dai tempi del liceo, la loro storia andava a gonfie vele fino a quando non è comparsa all'orizzonte la misteriosa Jem per la quale Rio perde la testa. E senza saper né leggere né scrivere (dato che si sa...l'occasione fa l'uomo ladro e vorrei concentrare la vostra attenzione sul fatto che il proverbio dice “uomo”, NON “donna”...), con l'appariscente cantante ci scappa anche qualche bacio appassionato (come dimostra la sigla).
Insomma, ne viene fuori una specie di edulcorato ménage à trois di tutto rispetto!
A proposito di magia e di cantanti un po' strambe, passiamo al trio Yu, Creamy e Toshio.
La protagonista della storia è Yu, una vivace bambina di nove anni, innamorata dell'inseparabile amico Toshio, più grandicello di lei, che per questo suo debole per lui non perde occasione per prenderla bonariamente in giro.
Un bel giorno il folletto Pino Pino le regala un medaglione magico e le affida due gattini, Posi e Nega, che sono in grado di parlare (ma può capirli solo Yu) ed hanno il compito di seguirla e aiutarla. Con la bacchetta magica e la formula di rito, Yu si trasforma in Creamy, una stupenda adolescente dalla voce flautata e la silhouette da modella, che in poco tempo diventa una rock star amata da un nutrito pubblico, del quale ovviamente fa parte anche Toshio, che in men che non si dica perde la testa per l'appariscente alter ego dell'amica.
Stessa storia per May / Emy. Questa la trama: May è una bambina di dieci anni con la passione per i trucchi di magia, figlia di prestigiatori. Un bel giorno il suo scoiattolo volante di peluche prende vita e il folletto Moko le da la possibilità di trasformarsi in Emy, una ragazza dai capelli verdi e – manco a dirlo – dal fisico mozzafiato, in grado di lasciare sbalordito il pubblico con il suo fascino e i suoi spettacoli di illusionismo.
Ma tra le persone che rimangono a bocca aperta alla vista di Emy, c'è anche Ronnie, un aspirante pugile dai modi gentili, il carattere ribelle e la faccia pulita del bravo ragazzo (proprio come Toshio, insomma quello che si direbbe il fidanzatino perfetto, che ogni mamma vorrebbe avere per la propria figlia), del quale May è innamorata ma che a sua volta si invaghisce di Emy.
Di che stupirsi? D'altronde questo è il karma di ciascuna di noi. Chi non c'è passata almeno una volta in vita sua? Prima sei la Yu / May di turno e non ti fila nessuno ma poi arriva il momento in cui ti trasformi (metaforicamente parlando) in Creamy / Emy!
Decisamente peggiore il caso di Jerrica / Jem: se stai con uno a cui piacciono entrambe (anche se dietro c'è la stessa persona...ammazza quanto è complicato, mi sembra una lezione di metafisica durante l'ora di filosofia al liceo) non deve essere il massimo! Nel caso di Yu / May e Creamy / Emy invece quanto meno c'è una certa differenza tra le due coppie (che può giustificare l'innamoramento del ragazzo), adolescente acqua e sapone le prime, maga e cantante in gran spolvero con trucco – parrucco e abitino (rigorosamente striminzito) sempre impeccabili le seconde!
E, a conclusione del ciclo dedicato ai bellocci nonché a chiosa del presente post, vi lascio con una perla di saggezza della Betta. Ricordate, la morale è sempre questa: occhi ben aperti, care le mie fanciulle, perché la Jem, Creamy o Emy che dir si voglia è sempre dietro l'angolo e fino a quando tu e la tua antagonista siete la stessa persona (ma sotto mentite spoglie) va ancora (relativamente) tutto bene, ma se le due persone non coincidono più...allora lì sì che sono guai!

4 commenti:

  1. Come potremo vivere senza le perle di zia Betta?

    RispondiElimina
  2. Caro "Anonimo", se ti pago potresti ogni mattina farmi trovare un commento del genere per farmi cominciare la giornata di buon umore???

    RispondiElimina
  3. Anonimo saggio!!!! sei un grande!!!! w la BETTA!!!!!! da SARA!!!

    RispondiElimina
  4. La mia autostima commossa ringrazia...

    RispondiElimina